sabato 3 settembre 2016Ultimo Aggiornamento:

Come calcolare le quote ereditarie di successione

 |   | 
Siete alla ricerca di un programma in grado di calcolare le quote ereditarie che spettano ad un erede in caso di successione? Avete bisogno di sapere come fare il calcolo successione in modo preciso al fine di non avere screzi con i parenti? In questo caso la prima cosa da fare allora è quella di capire di che tipo di successione si sta parlando. Quindi non appena si è a conoscenza del valore patrimoniale (se non si dovesse conoscere è sempre possibile aggiungere un numero approssimativo alla reale quota, tanto l’importante è sapere le percentuali di attribuzione delle singole quote) si dovrà capire se la successione ereditaria è di tipo legittima (priva di testamento) o appunto testamentaria (con delega di testamento).

Ad ogni modo sono sempre previste delle regole da rispettare o meglio delle persone specifiche che possono entrare in possesso della quota di successione. In questo caso ad esempio se si dovesse prendere in considerazione la fascia ereditaria senza testamento è giusto sapere che solamente i seguenti parenti avranno diritto a diventare eredi: i figli, il coniuge, i fratelli senza figli, gli ascendenti e tutti gli altri parenti entro massimo il sesto grado di parentela famigliare. Mentre, in presenza di una quota legittima testamentaria a farne parte potranno essere solamente i figli, il coniuge e anche gli ascendenti senza figli a carico.

Quota di legittima e quota disponibile

calcolo quote ereditarie per successione

La quota di legittima è quella parte di eredità che il testatore non può disporre, visto che secondo la legge questa parte di quota spetta obbligatoriamente ai parenti legittimari. Infatti in molti casi per via di questa legge le disposizioni scritte sul testamento non prendono piede e vengono ignorate anche se indicate contrarie dal testatore stesso. In poche parole questa tutela è stata attuata per aiutare i reali parenti a possedere la propria parte di quota e non dedicare questa porzione invece a gente estranea.

Invece la quota disponibile è quella porzione di patrimonio che il testatore può offrire a chiunque senza alcun vincolo. Infatti la quota ereditaria disponibile non si lega alla parentela e può essere offerta a qualsiasi individuo il testatore voglia o abbia scelto. In questo caso, se dovessimo fare un esempio, le persone interessate potrebbero essere gli ascendenti.

Ti potrebbe anche interessare questo post =>    Come rimuovere i sigilli dai beni ereditari    


Calcolo quote di successione degli eredi


Il programma da noi utilizzato per eseguire il calcolo delle quote ereditarie è quello offerto dall'avvocato Andreani. Tale programma offre un risultato delle quote spettanti, ma al contempo consente di ipotizzare solamente i calcoli relativi ai genitori e non ad altri avi del defunto. In questo caso i nonni sono fuori dalla lista, visto che andrebbero solo a fare confusione, in quanto è molto raro assistere a casi di successione di questo tipo.

Il programma è il seguente: 


ma in alternativa è possibile anche compilare il tutto direttamente sul sito una volta eseguito l’accesso dal link indicato: "http://www.avvocatoandreani.it/servizi/calcolo_quote_ereditarie.php". Quindi nel campo eredi (maschera) si dovranno elencare solamente i parenti più stretti o meglio quelli più prossimi alla famiglia, in modo da escludere automaticamente i gradi di parentela superiori.

Il procedimento messo in atto da questo calcolatore, consente di stabilire una linea retta delle situazioni reali indicate dalla legge; infatti se si dovesse verificare un caso di successione legittima senza coniuge, i figli al 100% ereditari potranno tagliare le quote degli altri parenti senza problemi. Oltre a questo si potranno calcolare anche le quote del fratello del defunto che eredita tutto il patrimonio, oppure escludere gente estranea o parenti di 4° grado come ad esempio i cugini. Infine, per chi desidera mettere in atto calcoli più complessi, come ad esempio l’analisi delle quote ereditarie in caso il decesso del figlio avvenisse prima del genitore, lo potrà fare senza problemi. L’unica difficoltà sarà quella di eseguire molti più passaggi rispetto alla gestione delle quote di successione classiche.

Il programma però non consente il calcolo delle donazioni o regali ottenuti dal de cuius. Quindi se si vogliono effettuare tali calcoli si dovrà optare per un altro programma più avanzato che analizza anche altri tipi di legami parentali.


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).