martedì 20 settembre 2016Ultimo Aggiornamento:

Come fare una pausa pranzo low cost: 5 regole

 |   | 
Sicuramente a far da padrona è la crisi, ma sempre più italiani scelgono l’opzione low cost per quanto riguarda la pausa pranzo sul posto di lavoro. Quindi addio a bar, ristoranti, trattorie e pizzerie per l’ora di pranzo? Anche se non tutti ancora rinunciano, si! la maggior parte dei cittadini preferisce abbattere i costi e tenersi i 10 euro nel portafoglio.

Questo aspetto da un certo punto di vista è molto gratificante, sia per il fisico, che per le finanze; infatti da una parte troviamo alimenti più sani portati principalmente da casa e dall'altro un risparmio economico non da poco, visto che si potrebbero mettere da parte i soldi che si spenderebbero invece ogni giorno per mangiare fuori. Ecco perché oggi in questa semplice guida, cercherò di spiegare a tutti voi le 5 regole per una pausa pranzo low cost perfetta!

Le cinque regole da rispettare per un pranzo low cost


Una delle prime e più importanti regole per fare una pausa pranzo low cost è sicuramente il risparmio. Quindi portarsi del cibo da casa, invece che andare a mangiare fuori è la regola principale di questa guida. Infatti basta fare 2 costi per capire a quanto ammonterebbe il nostro risparmio mensile. Mettiamo caso che ogni giorno uscendo dall'ufficio il costo d’acquisto del cibo per mangiare in trattoria sarebbe intorno ai 10 euro, mentre portandoci del cibo da casa (precedentemente acquistato nel supermercato) la nostra spesa sarebbe di soli 3 euro. Questo aspetto ci fa capire che mangiando fuori il costo sarà di circa 300 euro al mese, contro i 90 euro che si spenderebbero portandosi il cibo da casa. Logicamente poi il costo potrebbe essere ulteriormente abbassato se si vuole solo stuzzicare a pranzo, mangiando un frutto o uno yogurt.

La seconda regola d’oro è quella di preparare cibo in abbondanza dalla sera prima. Se durante la cena di giovedì ad esempio, si prepara uno spezzatino per due persone, sarebbe opportuno farlo per tre. In questo modo il giorno dopo, venerdì, si potrà mangiare a pranzo la medesima cosa a costo zero! la stessa cosa può essere fatta con una ciotola di riso, pasta, pesce o qualsiasi altra cosa cucinata la il giorno prima. Per i più esigenti, che desiderano gustare le pietanze calde anche al lavoro (se gli uffici o dove si lavora godono di un forno a microonde) sarebbe meglio mettere la schiscetta all'interno di barattoli ermetici in modo da riscaldarli durante la pausa pranzo. Con questa seconda regola si capisce che lo spreco non esiste!

Pausa pranzo low cost

La terza regola è indicata a chi desidera fare un pranzo low cost durante la pausa lavoro ed al contempo mantenere una linea sana e una salute impeccabile. Consumare panini e bibite gassate durante il pranzo di mezzogiorno oltre a farci ingrassare ci farà sprecare una notevole quantità di denaro. La stessa cosa vale anche per le macedonie o insalate acquistate al bar, le quali attualmente costano davvero uno sproposito! Quindi cosa fare per risparmiare soldi tutti i giorni e rimanere in forma? La cosa migliore come indicato nella regola numero due è quella di portare del cibo da casa che, in questo caso, però sarà concentrato solamente sui generi alimentari freschi di frutta e verdura. Prepara della frutta acida come l’ananas o l’arancia e all'interno aggiungici dei piccoli pezzetti di mela, ora mettici l’insalata del mais o qualsiasi altra cosa vegetale da te gradita e per concludere anche un pizzico di proteine, che in questo caso potrebbe essere del petto di pollo. Così facendo oltre a mangiare sano si avrà il pieno controllo del proprio corpo!

La quarta regola importante riguarda l’allontanarsi dalla macchinetta del caffè in modo categorico! Perché dico questo? Semplice, la maggior parte delle persone al lavoro passa più tempo alla macchinetta del caffè e snack, che alla scrivania. Questo aspetto oltre ad incidere in modo negativo sulla carriera del dipendente, vi costerà anche molto caro! Più tempo si passa a bere e caffè e fumare durante la giornata e durante la pausa pranzo, più soldi si spenderanno. Perciò, perché non puntare le proprio carte sul termos? Questo piccolo e strano oggetto, ci consente di mantenere i prodotti caldi al suo interno senza farne perdere il gusto. Infatti se si dovesse preparare alla mattina più caffè durante la colazione, lo si potrebbe portare al lavoro nel termos e degustarlo a qualsiasi orario senza spendere soldi e senza risultare agli occhi del datore un emerito scansafatiche.

La quinta ed ultima regola riguarda la condivisione del cibo con i propri colleghi di lavoro. Offrire le proprie pietanze fatte da casa durante la pausa pranzo low cost, ci consentirà di attirare l’interesse dei nostri colleghi, incentivandoli a fare lo stesso il giorno dopo. In questo modo si avrà la possibilità di creare una vera e propria comunità “famiglia” con cui stare durante il pranzo e condividere così il proprio cibo senza andare in giro a spendere soldi. Stare tra amici, soprattutto quando si hanno turni di lavoro pesanti, diventa un lusso e al contempo anche un modo di svagarsi e rilassarsi dinanzi ad un ottimo pasto completo o meglio in questo caso: una vera pausa pranzo low cost!


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).