giovedì 21 febbraio 2019Ultimo Aggiornamento:

Come richiedere la rimozione dei sigilli su beni ereditari

 |   | 
Rimozione dei sigilli su beni ereditari. Come richiederla, quanto costa e quali moduli servono?
L'apposizione dei sigilli è una procedura di natura cautelare utilizzata per identificare o conservare i beni che fanno parte di un patrimonio. Essa è provvisoria e può essere richiesta al momento del decesso di una persona.

Viene fatta in vista dell’eventuale riconoscimento e della salvaguardia dell’interesse di tutti coloro che vantano diritti legati all'eredità. Può essere fatta dagli eredi, da chi coabitava col defunto, dall'esecutore testamentario o dal Pubblico Ministero.

I beni da salvaguardare sono, in questo caso, beni rimasti incustoditi o beni in possesso di persone estranee al testamento. In pratica i sigilli servono a dare maggiore sicurezza alle persone che ne hanno diritto.

Però i sigilli possono essere rimossi senza problemi. Ecco perchè oggi vedremo insieme come si può richiedere la rimozione dei sigilli su beni ereditari e cosa serve per farlo.

Cosa serve per richiedere la rimozione dei sigilli su beni ereditari?


  • Ciò di cui bisogna essere in possesso è sicuramente:
  • Una buona connessione internet;
  • Il certificato di morte;
  • La successione;
  • Ed infine la marca da bollo.

Come procedere alla rimozione dei sigilli in modo veloce


richiedere-rimozione-dei-sigilli

Per una rimozione semplice e veloce si ci può recare alle autorità e fare ricorso. La rimozione può essere richiesta dagli eredi, dall'esecutore testamentario o dai creditori. L'importante è che venga fatta non prima di tre giorni dall'apposizione dei sigilli. Se tra gli eredi figurano incapaci o minori, per la rimozione bisognerà aspettare la nomina di un tutore o di un curatore speciale o tutore.

In ogni caso non è necessario l'aiuto di un legale. Richiedere la rimozione dei sigilli su beni ereditari è molto semplice e intuitiva. Infatti i tempi per una rimozione dei sigilli va ad una a due settimane. 

Ma di che cosa si ha bisogno esattamente?


La prima cosa da fare è quella di avere tutti i documenti necessari per svolgere l'operazione. Per la rimozione dei sigilli su beni ereditari i moduli da presentare sono quindi:

  • Il certificato di morte del defunto in carta libera;
  • La dichiarazione sostitutiva di atto notorio dalla quale risulti chi sono i successori;
  • La copia conforme del testamento in bollo.

Dopo di che la procedura è molto semplice e basta presentare i seguenti moduli a chi se ne occupa per portare avanti la pratica.

Dove va fatta la richiesta e quanto costa?


La richiesta per la rimozione dei sigilli sui beni ereditari va fatta al tribunale dell'ultimo domicilio del defunto e i costi sono gli stessi della domanda. Nei piccoli centri in cui non esiste il Tribunale l'autorità competente è il Giudice di Pace.

I costi sono, in particolare, un contributo unificato di € 85,00, una marca da bollo di € 27,00 e un'imposta di registro di € 200,00 per la registrazione. Il tutto da versare presso l’istituto bancario o all'ufficio postale con il Modello F23. 

Per maggiori informazioni sui moduli e costi, (che vengono continuamente aggiornati) consiglio di visionare anche questo link.

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).