domenica 24 agosto 2014Ultimo Aggiornamento:

Calcolo Tasi e pagamento, più calcolo Imu con allegata aliquota Tasi, come si fa?

 |   | 
Con il pagamento dalla Tasi imminente, oltre all'analisi dell'aliquota effettuata qualche giorno fa: "Aliquota Tasi 2014, ecco tutti i dettagli" e alle nuove indicazioni offerte su quali immobili devo pagare la Tasi: "In arrivo la Tassa Tasi su negozi, capannoni e case in affitto" (per gli affitti è prevista sia la Tasi che l’Imu).

Bisogna anche tenere in considerazione tre categorie, “definite di lusso”, come ad esempio:

  • Gli immobili di pregio A/1 definite come dimore signorili
  • Gli immobili di pregio A/8 definite come ville o villette
  • Gli immobili di pregio A/9 definite come Castelli o Regge

Codeste dimore, dovranno pagare entrambi le tasse imposte dalla legge, quindi:
 per quanto riguarda l’Imu è stato deciso di imporre il limite massimo, con un’aliquota pari al 6 per mille e una detrazione di 200 euro (non verranno però richiesti i 50 euro extra per i figli a carico). Anche per la Tasi è stato deciso di applicare l’aliquota massima con del 3,3 per mille; in poche parole tutti coloro che possiedono una dimora di classe avanzata “lusso” le spese massime ammonteranno al 6,8 per mille (di più non è possibile).

Quindi per chi volesse, vale anche per gli affittuari e i proprietari degli immobili è possibile effettuare un calcolo che vi permetterà di capire con esattezza quanto andrete a pagare, quali sono i documenti richiesti e cosa bisogna inserire come dati. Teniamo in considerazione che l’imponibile è la medesima cosa dell’imu, dopo questo prendiamo la rendita catastale e rivalutiamola del 5%. Una volta ottenuto il valore, moltiplichiamo il tutto per numero preimpostato delle abitazioni, che in questo caso è 160. Ecco fatto adesso su questo risultato finale, bisogna applicare le detrazioni e l’aliquota comunale.

Come avete potuto vedere è tutto molto semplice, ma adesso vediamo che tipo di documenti ci servono e quali dati sono necessari per compiere tutte queste operazioni:

  • Codice catastale del comune (facile da trovare grazie alla ricerca presente nel programma)
  • Categoria e tipologia dell’immobile (dimora di pregio, prima casa, seconda casa, negozio, capannone, ecc..)
  • Seleziona che tipo di calcolo vuoi effettuare: IMU o TASI
  • Determina la tua Aliquota TASI in % (se il tuo comune ancora non ha deliberato l’aliquota lascia tutto cosi…)
  • Detrazione TASI (gestita dal programma in base al numero di persone presenti nell'immobile)
  • Percentuale di possesso (da modificare solamente se sapete che è diversa, cambia in base ai periodi) 
  • Mesi di possesso (si intende il numero di mesi per il possesso della casa, il calcolo viene effettuato all'anno)
  • Aliquota 0 in percentuale (gestita dal programma, ma con possibilità di cambiarla)
  • Esente IMU in percentuale (gestita dal programma, ma con possibilità di cambiarla)
  • Aliquota base in percentuale (gestita dal programma, ma con possibilità di cambiarla)
  • Immobile storico o immobile inagibile (indicare se la casa è ancora sana per viverci)
  • Altri proprietari residenti (si intende il coniuge, quindi impostare il 50% per chi vive con la moglie o marito)
  • Numero figli residenti (la Tasi in alcuni casi richiede il numero esatto di figli presenti nella residenza)
  • Pertinenze Tasi (indicano la Rendita catastale, la percentuale di possesso, i mesi di possesso e se l’immobile ancora agibile o se è determinato come storico inutilizzabile. 
  • Riferimento Immobile (è una nuova opzione che permette di indicare personalmente il tipo di immobile)
  • Infine troviamo la gestione della quota, imposta e detrazione Tasi e la detrazione, importo e imposta Imu
Per accedere al programma basta consultare il seguente link: Calcolo Tasi e calcolo Imu + Tasi