domenica 24 agosto 2014Ultimo Aggiornamento:

Il compromesso della casa tra acquirente e venditore, come avviene e chi può intervenire?

 |   | 
Per tutti coloro che devono acquistare una casa e attivare il rogito, sicuramente cercano anche una guida che spiega le pratiche del compromesso per l’acquisto di una casa; inoltre ogni volta che si praticano certe operazioni è sempre opportuno richiedere l’intervento di un agente immobiliare.

Ogni qualvolta si determina il compromesso, bisogna tenere a mente che è un patto che avviene da entrambi le parti; in questo caso stiamo parlando di: venditore e acquirente. Quest’ultimi determinano assieme un contratto, con lo scopo di definire alla fine gli aspetti legali e le condizioni, per determinare il reale contratto di compravendita dalla casa o immobile (contratto che avverrà in seguito mediante l’intervento di un agente immobiliare).

Esprimendo il concetto in modo riassuntivo, possiamo dire che: il compromesso tra parti è una scrittura privata “preventiva” avente come scopo finale, la reale compravendita del bene; il tutto definito dal venditore e acquirente mediate condizioni e clausole (da loro decise e firmate).

Il contratto di compromesso nel dettaglio:


Il compromesso è obbligatorio servirlo sempre sotto forma scritta è impensabile offrire a parole un documento così importante; inoltre essendo un documento che mette in causa, sia chi vuole acquistare l’immobile e sia chi lo vende è opportuno “sempre” l’intervento di un avvocato o commercialista e di un agente immobiliare fidato.

Il notaio, il compromesso e i documenti:


Sempre in ogni caso, qualsiasi sia l’importanza, se si opera con contratti legali è necessario l’intervento del notaio (sono accettati anche altre figure professionali) sia per controfirmare la proposta, in modo da renderla legale e anche per agire come consulente. Oltre a questo il notaio dovrà rendere attivo il contratto e registrarlo nell'archivio, il quale può essere effettuato solo da un pubblico ufficiale (in questo caso il notaio copra la carica di ufficiale).

La stessa operazione può essere considerata valida, anche nel caso ci fosse stato presente un agente immobiliare. In questo caso l’agente immobiliare avrebbe potuto prendere in carica la posizione di firma e registrare il compromesso per l’acquisto senza problemi.