sabato 23 agosto 2014Ultimo Aggiornamento:

Buoni pasto aziendali al posto dei soldi in busta paga, chi ne ha diritto e perché avviene?

 |   | 
I buoni pasto aziendali sono una politica molto diffusa in Italia, perché le aziende decidono di pagare i propri dipendenti con dei buoni pasto, invece di rimborsare i pasti nella busta paga? E poi quali dipendenti hanno diritto al ricevere i buoni pasto aziendali e chi invece no?

Scopriamo insieme come mai avviene tutto questo e perché i datori di lavoro offro buoni pasto giornalieri ai propri dipendenti.

Buoni pasto aziendali cos'è e chi può riceverlo?

Il buono pasto è un normale mezzo di pagamento con un valore già predefinito. Solitamente viene offerto al dipendente sotto formata cartacea o ticket, raramente viene gestito anche mediante tessera elettronica.
I buoni pasto possono essere utilizzati solo per comprare un pasto (magari una pausa di mezzogiorno) o un prodotto di genere alimentare. Ai termini di legge è considerato un fringe benefit.

Questo metodo di pagamento possono riceverlo anche da tutti i lavoratori che operano nel settore privato e pubblico. Loro utilizzano di solito questi buoni per pagarsi le spese del pranzo nei bar, nei ristoranti, nelle trattorie, supermercati o qualsiasi altro esercizio pubblico, basta che sia convenzionato per i buoni ottenuti; in poche parole si utilizzano questi buoni per tutto ciò che è al di fuori della mensa aziendale.

Come sappiamo in Italia questa tipologia di pagamento è indicata come: Ticket ed ogni lavoratore per ogni giorno lavorato, ha diritto a riceverne uno (non importa che tipo di contratto abbia il dipendente). I buoni pasti aziendali hanno diversi importi (tutti prestampati) e il loro utilizzo è gestito mediante le leggi fiscali e le regole del lavoro.

Le aziende scelgono e decidono di utilizzare i buoni pasto, perché sono agevolate e avvantaggiate da tutte le convenzioni che offre lo Stato; come ad esempio le deducibilità (I costi deducibili sono tutti i costi che vengono detratti dal reddito finale annuo). Per questo motivo moltissime aziende scelgono il buono pasto come forma di pagamento per il cibo. Voi cosa ne pensate? È giusto pagare in questo modo i lavoratori?


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).