sabato 14 gennaio 2017Ultimo Aggiornamento:

Richiedere Bonus bebè 2017 dove e come?

 |   | 
Come accade ogni anno, anche quest'anno è stato preso di mira da tutte le neomamme che hanno avuto un figlio. Il motivo è semplice...

Con la legge di stabilità, oltre alle vecchie agevolazioni fiscali (di cui abbiamo parlato molto in questi giorni) è stato riconfermato anche il bonus bebè 2017, ad annunciarlo in versione ufficiale è stato il Ministero Del Tesoro.

Ma chi può richiedere Bonus bebè 2017 in Italia e cosa serve per averlo?

Attualmente, possono richiedere i bonus in Italia di 80 euro, tutte le neomamme aventi uno o più figli (massimo 5) anche adottati; l'importante è avere dei semplici requisiti. In questo caso il più importante riguarda: il reddito non superiore ai 90.000 euro.


Come richiedere il bonus bebè 2017 nuovi nati?


È molto semplice, basta avere un figlio nato tra il primo di gennaio del 2015 e la fine di dicembre 2017. In questa fascia di tempo tutte le mamme che hanno avuto un bimbo o nel caso, hanno deciso di adottarlo, possono fare richiesta per il bonus bebè/nuovi nati.

Questo consentirà alla famiglia di ritirare il compenso di 80 euro al mese, per un massimo di 980 euro all'anno. La domanda di richiesta dovrà essere consegnata all'istituto previdenziale nazionale, detta anche: Domanda INPS e registrazione.

La suddivisione del bonus bebè dal 2015, al 2016 fino al 2017

Come-richiedere-bonus-bebe

I soldi stanziati sono stati suddivisi di anno in anno, per un massimo di soli tre anni (età anche del bambino. Infatti, dopo che il bambino avrà fatto 3 anni, non si potrà ricevere più nessun compenso dallo Stato).

Elenco completo:

  • Per il 2015 è stato deciso di offrire ai cittadini 200 milioni di euro.
  • Per il 2016, più del doppio, infatti la cifra offerta era pari a 600 milioni di euro.
  • Per il 2017, infine è stato deciso di stanziare ben un miliardo di euro. In modo da aiutare tutti i cittadini che prima non hanno potuto fare richiesta o non sapevano dell'iniziativa.

Ma basteranno questi soldi a mantenere tutti i bambini in Italia e consentire alle famiglie di stare tranquilli con le spese?


Purtroppo no… facendo un rapido calcolo ci si rende subito conto che i soldi consegnati negli anni passati, hanno offerto la possibilità solamente alla metà delle famiglie italiane di agevolare le loro spese e l’acquisto di: latte in polvere, pannolini, biberon e così via dicendo...

Ma perché questo? Semplice, in Italia ogni anno nascono circa 400 mila bambini e sommando ad essi anche le adozioni si arriverebbe sui 500/550 mila bambini all'anno.

Questo sta a significare che nel corso del 2015/2016 hanno potuto beneficiare del bonus bebè di 80 euro solo una parte dei cittadini, che all'incirca è una cifra approssimativa di 200 mila bebè.

In poche parole? Chi prima arriva, meglio alloggia! Esatto chi prima presenterà la domanda, prima riceverà il bonus 2017 nuovi nati, mentre tutte le altre famiglie dovranno arrangiarsi e contare solo su se stessi e sul proprio budget finanziario!

Ma tutti la pensano allo stesso modo sul bonus bebè?

Secondo alcuni non è cosi, ad esempio, già con il miliardo di euro offerto per il 2017, le cose dovrebberò cambare e secondo alcune fonti stampa, pare che:

"Nel caso in cui non dovessero bastare i fondi concessi, il Governo penserà a qualcosa per aumentarli ed aiutare tutte le famiglie".

Attualmente io non so cosa pensare, se le cose si portano avanti come gli anni passati, io ne dubito che qualcuno faccia qualcosa per noi cittadini; però mai dire l'ultima parola, giusto?

Ad ogni modo anche le vostre opinion e i vostri commenti sono importnati; quindi, voi cosa ne pensate di tutto ciò? E giusto che qualcuno rimanga fuori dal progetto e che molte neo-mamme non possano richiedere i bonus bebè 2017 perchè arrivate in ritardo alla consegna della domanda?


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).