sabato 25 novembre 2017Ultimo Aggiornamento:

Come aprire un pastificio artigianale e mettersi in proprio

 |   | 
Ultimamente con l’apertura delle nuove attività in molti stanno pensando di aprire un pastificio artigianale per offrire alla gente della pasta fresca.

Tempo fa le persone amanti della cucina facevano la pasta fatta in casa (fresca e secca) per poi gustarla in famiglia ed offrirla agli amici più cari. Via via andando questa passione per molti è diventata un vero e proprio lavoro, dando loro la possibilità di offrire la produzione della propria pasta su larga scala.

Ecco perché oggi ho deciso di scrivere questa guida, offrendo alle tantissime persone che hanno la passione per la cucina, ma che non mettono in pratica questo talento, la possibilità di capire come fare!


Mettersi in proprio e aprire un pastificio artigianale: Guida


Come sappiamo la pasta è un alimento che piace a chiunque, semplice da preparare e anche molto gustoso. Quindi, perché non aprire un pastificio in Italia se si ha la vera passione?

In questo caso ci si può informare su vari settori, come ad esempio l’apertura di un pastificio per la produzione di pasta fresca, creare un pastificio per celiaci (così da richiamare un determinato tipo di clienti) o anche aprire un pastificio franchising per risparmiare denaro ed avere a portata già un marchio noto e riconosciuto dalla gente.

Secondo me in questo capo è possibile sbizzarrirsi moltissimo. Quindi, la domanda che sporge spontanea è: cosa occorre per aprire un Pastificio Artigianale ed iniziare a fare pasta di qualità da vendere alla nostra clientela?




Aprire un negozio di pasta e gestire un pastificio come lavoro



Se state pensando di aprire una nuova attività di questo tipo e mettervi in proprio, molto probabilmente avete già da parte un elevata conoscenza di come si fa la pasta fatta in casa e di cosa serve per iniziare a produrla, giusto?

No, non ne hai proprio idea? Hai deciso di aprire un pastificio solo per business? ok, allora non ti preoccupare! La prima cosa che devi fare è iniziare dei corsi di aggiornamento sulla pastificazione e successivamente fare anche dei corsi di cucina avanzati.

Una volta fatto ciò (nel caso hai già esperienza per via di un vecchio lavoro svolto all'interno di un vecchio pastificio artigianale, significa che sei già formato e potrai evitare i corsi di apprendimento) avrai le basi per iniziare a lavorare ed assumere personale.


come-aprire-un-pastificio-artigianale


Infatti per poter aprire un negozio che produce pasta è obbligatorio sapere cosa si sta facendo e di conseguenza non si possono assumere dipendenti, se non si sa neanche da che punto cominciare. La formazione è la base di ogni attività di successo, senza di essa le cose non andranno mai bene.

Quindi cercate sempre di studiare e praticare il mestiere il più possibile prima della sua reale apertura. Una volta aperto il vostro pastificio in piena regola, sarà obbligatorio creare anche un rapporto tra cliente e venditore, in modo da farlo tornare anche le volte successive. Per questo vi consiglio di instaurare un rapporto di fiducia, cordialità e simpatia. In poche parole dove cercare di farli sentire a casa.

Oltre all'educazione occorre anche attirare clientela con l’esposizione dei prodotti in vendita. Quindi, occorre cercare di creare qualcosa di importante, come ad esempio della pasta ai cereali, della pasta fresca integrale, della pasta di farro, della pasta di carbone vegetale e cosi via dicendo.

Solo in questo modo o meglio solo con l’originalità di avere sempre qualcosa di nuovo, la vostra clientela aumenterà di giorno in giorno. Bisogna sempre cercare di puntare al meglio, dando il massimo!

Ricordatevi che è esternamente importante offrire ai vostri clienti dei prodotti buoni sani e genuini. In questo caso la pasta è arte, quindi va fatta con passione e amore come quando la si fa a casa.

Ad esempio ci si può informare anche per la realizzazione di pasta adatta esclusivamente ai celiaci (cioè senza glutine) così, come vi ho indicato precedentemente, avrete una nicchia specifica di clienti intolleranti ad alcuni prodotti alimentari, che verrà ad acquistare solo da voi.




Norme da seguire per l’apertura di un pastificio


banco-frigo-pasta-fresca-salvadanaio
Banconi Frigo da mettere in negozio

Un altro passo importante da non dimenticare, quando si apre un business del genere, sono le norme da rispettare. Così facendo si potrà essere certi di aprire un nuovo negozio funzionante e in regola!

Infatti nel caso il pastificio non fosse a norma non sarà possibile aprirlo ed al contempo si dovrà richiedere l’intervento preventivo di ditte specializzate alla ristrutturazione e messa a nuovo del locale.

Ecco perché conviene mettere in pratica tali operazioni prima di richiedere il permesso di apertura, altrimenti poi verranno sempre a controllare e di conseguenza troveranno sempre qualcosa che non va bene.

In questo caso bisogna porre attenzione principalmente alle prese dell’elettricità, ai tavoli (se presenti) alla pulizia dei banconi, ai frigoriferi, al reparto di giacenza della farina e a tutto ciò che riguarda la sanità.

Un consiglio che posso darvi e di badare molto all'aspetto del locale, dando un tocco di eleganza al pastificio, così facendo creerete un ambiente gradevole ed allo stesso tempo curato in ogni minimo dettaglio.

Oltre a quanto indicato è indispensabile aprire anche una partita Iva, iscriversi alla camera di commercio del proprio Comune di residenza, presentare domanda al registro delle nuove imprese, praticare il corso e prendere l’attestato HACCP (se si assume un dipendente che lo possiede non è necessario farlo) ed infine richiedere l’autorizzazione all'ente ASL per apertura e controllo.

Fatto anche questo, si eseguire l'apertura e richiedere la propria autorizzazione alla vendita dei prodotti alimentari, che in questo caso riguarda appunto la vendita di pasta fresca o secca fatta da voi.


Cosa serve per aprire un pastificio artigianale di qualità?




laboratorio-tipi-di-pasta-pastifici-italiani
Tipi di pasta fresca fatta in casa o in un laboratorio/pastificio artigianale

Come prima cosa serve un locale adibito al solo uso della preparazione della pasta fresca e vendita del prodotto una volta finito.

In questo caso potrebbe bastare anche un semplice negozio di 50 mq, l’importante e pianificare al meglio la posizione dei macchinari, che sono per l'appunto:


  • un’impastatrice;
  • un grande tavolo da lavoro;
  • una gnoccatrice (per fare gli gnocchi);
  • una raviolatrice (per fare i ravioli);
  • una macchina da taglio per creare la pasta corta;
  • un frigorifero capiente;
  • un tritacarne automatico;
  • una grattugia professionale (la vendono anche abbinata direttamente al tritacarne);
  • un vano o lavello;
  • una cucina con almeno quattro fuochi (con cappa industriale);
  • una formatrice per la pasta in grado di creare cappelletti ed agnolotti in modo semplice.


Oltre a quanto indicato, il reparto per la lavorazione della pasta necessita macchinari per la vendita. Ad esempio, in questo caso sono:


  • un registratore di cassa;
  • POS (Point of sale o terminale di punto vendita);
  • una bilancia elettronica per pesare la pasta correttamente;
  • un banco frigo con vetrina (dev'essere refrigerato) per consentire alla gente di scegliere il tipo di pasta da comprare.



Investimento per aprire un pastificio, quanti soldi?



Per un negozio avente come materiali ciò che vi ho indicato, il costo ammonta a circa 55.000 euro. Infatti, si deve calcolare che più o meno per aprire un negozio di pasta fresca artigianale è necessario un investimento che va da un minimo di 40.000 euro (con macchinari usati, ma rigenerati), fino ad un massimo di 70.000 euro (per rimanere bassi di prezzo) con macchinari garantiti.

Comunque sia per chi desidera veramente aprire un laboratorio di pasta fresca e produrre alimenti di prima qualità con il proprio pastificio, può anche richiedere aiuto allo Stato ed usufruire dei nuovi finanziamenti regionali e statali.

Per maggiori informazioni su questi contributi Europei, vi consiglio di collegarvi ai seguenti portali:



Una volta eseguito l'accesso ai link basta, scegliere il tipo di regione di appartenenza, contattare il proprio commercialista di fiducia (il quale vi aiuterà a capire come procedere con la richiesta) richiedere il giusto investimento per il proprio business plan (leggi Sviluppo di un business per creare un Pastificio) ed iniziare la pianificazione per dei nuovi impianti di pastifici in Italia.

Questo passaggio vi consentirà di rientrare nella lista dei nuovi imprenditori in Italia ed usufruire degli strumenti di ultima generazione, al fine di aprire un pastificio ed investire in un’azienda di successo!

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).

Articoli e guide più lette dagli utenti: