venerdì 4 novembre 2016Ultimo Aggiornamento:

Chiedere un prestito da pensionato si può? età massima

 |   | 
Come tutti sanno, una volta che si arriva alla pensione risulta difficile richiedere dei finanziamenti, sopratutto ad una certa età. Questo avviene perchè le banche non si fidano del cliente in quanto essendo "vecchio" non ha la possibilità di offrire delle reali garanzie sulla vita e per tale motivo i prestiti offerti ai pensionati diminuiscono vertiginosamente.

Quindi le domande che sorgono spontanee sono: Oggi esistono dei prestiti per pensionati? Chi può richiedere dei prestiti da pensionati? qual'è l'età massima per un prestito da pensionato in Italia? Le banche concedono finanziamenti a gente in pensione? Ecco in questa guida, cercherò di spiegare dettagliatamente come fare tutto. Analizziamola insieme...


La prima cosa che bisogna sapere è che la maggior parte dei pensionati per poter richiedere un prestito utilizzano solitamente, la cessione del quinto Inps (come chiedere il rinnovo). Questo metodo permette loro, di ricevere una somma di denaro direttamente dalle banche o finanziarie, con la garanzia di rimborso Inps. State pensando quello che penso io? Ottimo! Se è esattamente così, saprai che grazie ad un semplice assegno gestito dall'ufficio territoriale Inps è possibile ottenere il denaro sufficiente a pagare le proprie spese senza più problemi.

Ad ogni modo ricordo a chi è in pensione, che se ciò dovesse avvenire, di cogliere l'occasione al volo, perchè non è da poco avere ancora oggi un’agevolazione del genere, visto i tempi che tirano...

Età massima prestito pensionato: Problemi e cause di mancato rimborso


Esistono però delle piccole clausole da tenere in considerazione se si vuole ottenere un prestito da pensionato e come già indicato in precedenza, tutto gira attorno all'età massima del richiedente. Infatti visto l’avanzare dell’età, il primo passo da superare riguarda la polizza. Tale operazione consente alla banca di essere coperta con l'assicurazione è riavere il rimborso dei soldi in caso di problemi o decesso del pensionato.

Il secondo passo da superare è il tempo. Qualsiasi sia il richiedente, se pensionato, la durata di rimborso delle rate non può assolutamente superare i 10 anni di contratto (problema che ci riporta sempre all'età). Per tal motivo la maggior parte degli istituti di credito in ogni contratto indica che il rimborso deve avvenire prima degli 80 anni o massimo (in alcuni casi) 90 anni.

Il terzo ed ultimo passo invece è la puntualità di rimborso, che ci rimanda al passaggio appena indicato. Esso consiste nel tenere fede degli accordi presi e non mancare le scadenze di restituzione del denaro alla banca che ha erogato il prestito. Ad ogni modo su questo punto, il problema è bello che superato, visto che ad occuparsi di tutto ci pensa personalmente l’ente Inps. Esso quindi provvederà a versare i soldi del prestito richiesto ogni mese al posto vostro, mediante la cessione del quinto/pensione.


prestito_da_pensionato_eta_massima

Ottenere il prestito pensionati senza problemi


Per ottenere un prestito pensionati, basta recarsi all'ufficio Inps e richiedere la busta riguardante la propria cedibilità della pensione. Questo documento è molto importante, visto che è l’unico mezzo valido che vi consente di calcolare il giusto importo da richiedere. Grazie ad esso, sarà dunque possibile chiedere alla banca o alle poste italiane dei prestiti per chi è in pensione senza problemi.

Le migliori banche che hanno aderito alla convenzione dei prestiti pensionati, si trovano sul sito dell'ente Inps, seguendo il percorso indicato:

Effettuare l'accesso al portale dei Servizi Online, cliccare sulla voce: "Elenco di tutti i servizi", consultare la pagina di: "Cessione del Quinto" ed infine fare click sulla Gestione degli Enti Convenzionati; che in questo caso riporta a suddetto link: "Istituti Finanziari aderenti all'iniziativa".

Considerazioni finali sui prestiti per pensionali


Infine è sempre opportuno tenere in considerazione anche altri fattori importanti. Ad esempio è giusto non sottovalutare i tassi di interesse (che se elevati possono creare molti disagi al pagatore), le clausole (bisogna sempre leggere le clausole finali poste a fine contratto, visto che la maggior parte delle volte nascondo qualcosa) e la tipologia di prestito (è opportuno trovare quella giusta prima di accettare, se si vuole avere la migliore soluzione tra costo e prodotto).

Quindi ricapitolando - una volta scelto il migliore prestito per/da pensionati e dopo aver ricevuto diversi preventivi, cosa si deve fare? Si deve analizzare tutto il materiale che si ha tra le mani, compilare al dettaglio tutti dati ed effettuare un calcolo sulle rate da pagare ogni mese + i costi di gestione da sostenere.

Sol procedendo in questo modo, sarà possibile scegliere il prodotto migliore in base alle proprie esigenze economiche e magari risparmiare anche qualche soldo. Come avete potuto vedere chiedere un prestito da pensionato non è difficile, l'unica cosa che bisogna rispettare è l'età massima e il tempo di rimborso del finanziamento!

Ti consiglio di leggere anche questi altri argomenti di salvadanaio.info:

Convenzione bancaria per prestiti pensionati Inps
Convenzioni prestiti Inps con banca Bnl
Cosa sono i prestiti Inpdap/Inps?
Mutui per settantenni, quali sono?


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).