domenica 14 febbraio 2016Ultimo Aggiornamento:

Rimborso assicurazione auto per RCA troppo cara, come fare?

 |   | 
Se in questi anni hai pagato una polizza assicurativa troppo cara, ora puoi chiedere il rimborso assicurazione auto in soldi e farti ripagare dalla tua compagnia di assicurazione il 20% del denaro sottratto dalla tua polizza RCA. Il danno ha purtroppo coperto un elevato numero di clienti; ecco perché oggi ho deciso di spiegare a tutti come richiedere il rimborso assicurazione Rc auto in modo semplice e veloce!

Secondo quanto abbiamo detto nelle guide precedenti, le polizze auto rimborsabili, riguardano solo quelle ricorrenti a 20 anni fa, cioè nel periodo che va tra il 1996 fino all'anno 2000. In questi quattro anni le compagnie assicurative italiane, si erano divertite alle nostre spalle, alzando i prezzi di circa il 20% in più rispetto al prezzo di mercato stabilito per legge. Ecco perché adesso la Cassazione ha deciso di intervenire, permettendo a tutti i cittadini di essere rimborsati e ripagati per il danno subito. Per ottenere il rimborso RCA in denaro però è necessario essere presenti negli archivi storici della motorizzazione per le date sopra indicate. Oltre a questo è necessario avere una carta firmata dall'automobilista richiedente, che ritiene con certezza di aver pagato una polizza troppo cara, in tutti questi anni.


Rimborso assicurazione auto e risarcimento polizza infortuni RCA 2016


Questo avviso va a riempire di gioia tutti gli automobilisti, che negli anni 1996/2000 hanno pagato la loro assicurazione auto con importi superiori rispetto a quelli previsti. Ora grazie all'intervento offerto da parte della Cassazione a favore degli automobilisti e di conseguenza contro le assicurazioni italiane è stato impostato per legge il rimborso e risarcimento RCA obbligatorio, sotto anche sorveglianza dell’antitrust e delle nuovi leggi italiane 2016.

Rimborso assicurazione auto per RCA troppo cara, come fare?
Uno degli aspetti più importanti e sicuramente la felicità degli automobilisti, in particolar modo a tutti quelli che in questi 20 anni hanno continuato a lamentarsi per averla vinta e finalmente c’è l’hanno fatta! Ricordiamo che il premio per il risarcimento dei soldi che dovranno essere poi restituiti, ammonterà a circa 1.500 euro per ogni automobilista "preso in giro". Questi dati sono stati calcolati su una base di circa il 20% (salita con in percentuale con i vari aumenti degli anni passati).


Oltre a questo cosa si potrà anche migliorare la situazione RCA?


Certo che sì! è stato già programmato l’arrivo di un nuovo prodotto assicurativo, che consentirà agli automobilisti di accedere a nuove offerte, promozioni e tariffe sulle polizze RC auto. Questo nuovo prodotto (probabilmente attivo da marzo 2016) avrà il compito di tutelare i guidatori da truffe, tariffe elevate, frodi e differenze di prezzo tra compagnie assicurative. Oltre a questo si avrà anche la possibilità di ricevere sempre dettagli esaustivi sul tipo di polizza acquistata e maggiore sicurezza per i nuovi assicurati inesperti. Leggi anche la guida su: "Come risparmiare sulla polizza RCA".

Il progetto sarà controllato dall'antitrust passo dopo passo e grazie anche alla collaborazione dell'Ivass dovrebbe garantire un miglioramento senza precedenti. Infatti per molti questo è già un traguardo che “in teoria” dovrebbe veramente migliorare il sistema di risparmio sulle assicurazioni, la sicurezza sulla frode e un notevole cambiamento dei sinistri RCA e polizze infortuni. Ora non ci resta che aspettare la fine dell’anno e l’inizio dell’anno nuovo per vedere questa nuova offerta e magari finalmente iniziare a pagare le assicurazioni correttamente. Cioè nel modo giusto e ad un prezzo equo e non più insostenibile come una volta!


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).