martedì 28 luglio 2015Ultimo Aggiornamento:

Come abbassare ipoteca mutuo

 |   | 
Abbassare l’ ipoteca del mutuo è un fattore possibile ed inoltre accedere al mutuo fondiario è un passaggio molto importante che potrebbe offrire vantaggi sia al debitore richiedente, che alla banca stessa. Oltretutto richiedere alla banca di abbassare l’ ipoteca mutuo della somma registrata è un diritto del debitore; questo però non tutti lo sanno!

Seguendo quanto indicato nell'articolo n°39 del codice bancario, possiamo leggere e scoprire che: il debitore in causa, ogni volta che abbia portato a termine un estinzione pari ad 1/5 del debito, avrà la possibilità di richiedere una riduzione e quindi un abbassamento della somma registrata del mutuo. Infatti tutto ciò è molto richiesto dai cittadini, durante un periodo di crisi, quando ormai la casa è gravata da un elevato debito impossibile da saldare. Proprio per questo motivo si cerca in tutti i modi di ottenere un mutuo nuovo, avente in questo caso un ipoteca di secondo grado.

Quindi detto in parole brevi: “se il valore del bene in confronto al credito è maggiore di 1/5 per quanto riguarda i crediti registrati aumentati degli interessi, si potrà richiedere di abbassare l’ ipoteca mutuo, mediante la quota d’iscrizione.”


Come abbassare ipoteca mutuo – come si convince una banca?


Per far accettare alla banca un nuovo mutuo, avendo già sulle spalle una vecchia ipoteca; basterà richiedere la riduzione dell’ipoteca. Questo passaggio, vi permetterà di rendere più facile l’accettazione da parte della banca per quanto riguarda il vostro secondo e nuovo mutuo. Vi ricordo che la banca accetterà questa operazione solo perché si sono generate delle differenze di quota rispetto al valore della casa; ma al contempo però non è detto che essa decida di non accettare la vostra proposta. Non tutte le banche italiane sono disposte ad attivare una nuova ipoteca sulla casa, sapendo che ne avete già attiva una presso un’altra banca.

Come-abbassare-ipoteca-mutuo
Un altro aspetto importante, o meglio una possibilità in più per assicurarsi l’ottenimento di un ipoteca di primo grado, potrebbe essere quella di richiedere un’estinzione anticipata sul debito in corso (ex-mutuo), aumentando la quota del prossimo mutuo, tramite un importo superiore al precedente. In un caso del genere, però bisogna tenere sempre conto dei costi che andrebbero a sommarsi per via dell’estinzione anticipata (penale da pagare) e per la cancellazione dell’ipoteca attuale. Oltre a questo la banca potrebbe farvi perdere tutti i benefici acquisiti durante la firma di contratto del precedente mutuo.

Estinzione dell’ipoteca, rinnovo e cancellazione


Nel caso non si dovesse procedere al rinnovo dell’ipoteca dopo 20 anni dalla sua iscrizione, essa si estinguerà. Per evitare tutto ciò è opportuno richiedere il rinnovo dell’iscrizione ipotecaria, prima dell’effettiva scadenza del 20° anno. Per quanto riguarda invece la cancellazione ipotecaria è giusto indicare, che essa potrà essere presa in esame, solo con il consenso delle parti interessate; inoltre ad operazione quasi ultimata, il conservatore non potrà andare avanti con la cancellazione senza aver prima richiesto un atto che attesti l’effettivo consenso del creditore.

Nota: qualsiasi sia l’ambito o la situazione, la cancellazione non potrà essere decisa dal conservatore; infatti per procedere esso, dovrà presentare una domanda che gli permetta di andare avanti con la pratica. In caso di rifiuto, opposizione o mancata risposta, il richiedente avrà il diritto di esporre un reclamo alle autorità, in modo che venga presentata la giusta documentazione e si proceda dunque alla cancellazione dell'ipoteca, seguendo le regole imposte dalla legge.


Ma è possibile richiedere la riduzione dell’ipoteca sempre e comunque?


Certo che no! Prendendo in considerazione gli articoli 2873/2874 è possibile vedere che:

  • Non è possibile richiedere la riduzione quando la somma è stata decisa per sentenza;
  • Non è possibile richiedere la riduzione quando la somma è stata decisa per convenzione;
  • È possibile richiedere abbassare ipoteca mutuo, quando i beni hanno un valore più di 1/5.

Come potete vedere abbassare un ipoteca mutuo non è molto difficile, bisogna solamente essere in possesso delle giuste documentazioni seguire i requisiti richiesti e mettersi d’accordo con la banca in base la riduzione della somma, cancellazione o anche estinzione della stessa.


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).