giovedì 13 novembre 2014Ultimo Aggiornamento:

Frode carosello sull'iva – perché viene effettuata e come funziona?

 |   | 
La frode carosello è un procedimento complesso da spiegare, ma molto semplice da mettere in atto sull’iva per i malintenzionati. Nella maggior parte dei casi si parla di azioni compiute maggiormente da aziende italiane o facenti parte dell’Unione Europea, le quali operano in modo fraudolento nel paese, detraendo l’iva, anche se il venditore “prestanome” non l’ha mai versata.

Per operazioni come queste, possono essere scelti solamente soggetti prestanome o persone che realmente non sono in possesso di nessun tipo di proprietà o bene intestato ad essi e di conseguenza non assoggettabile a imposte e controlli fiscali. Quindi così facendo il soggetto A (prestanome) in accordo con il soggetto B (venditore) e il soggetto C (acquirente) nell'acquisto di un prodotto, bene o proprietà; potrà emettere la fattura avente l’iva, senza versarla e al contempo permettere all'acquirente reale di detrarre l’iva ingannando il fisco e compiendo azioni fraudolente!


Questa breve introduzione ci fa capire brevemente come funziona la “Frode carosello” e perché molti “ingiustamente” decidono di applicarla; adesso cercherò di farvi capire il procedimento che le aziende compiono mediante schemi e operazioni dirette e indirette.

Come funziona il sistema di frode carosello?


Il sistema di frode carosello fiscale è in poche parole una catena dove cooperano malintenzionati che vogliono acquistare prodotti o altro senza muovere un dito, ma allo stesso tempo mettono in atto un cantiere di società, pronte a creare carte false e nascondere al fisco le operazioni fraudolente che si stanno cercando di mettere in atto. Infatti operazioni come queste cercano anche d’ingannare lo Stato durante la presentazione della dichiarazione dei redditi o sul tipo e la quantità di personale assunta per il lavoro.


I due tipi di frodi carosello che gli italiani mettono in atto:


Finta frode carosello – si tratta quando il prodotto in questione non è nel proprio Stato. Facciamo un esempio: mettiamo che il soggetto “A” che vende dei beni ad una società presente in Italia “B” (aiutata da un’altra società che opera nella manipolazione delle carte fiscali) emetta delle fatture senza aggiungere l’iva, facendo pagare solamente il reale costo del prodotto che è stato venduto. Qui entra in gioco la società italiana per la manipolazione delle carte, la quale collabora con il soggetto A e il soggetto B e decide di acquistare un prodotto emettendo lei stessa una fattura segnalando di possedere l’iva a credito e l’iva a debito; in questo modo la società avrà creato un espediente neutralizzando l’iva reale dell’operazione.

Questo tipo di operazione poterà la società intermediaria a scomparire, facendo guadagnare l’acquirente presente in Italia, beneficiando a sfavore del Fisco italiano. Infatti seguendo questo metodo molte aziende riescono ad eludere il fisco (altrettante vengono scoperte) visto che il prodotto non ritornerà dov'è stato acquistato, formando un accumulo di iva a credito per via delle varie fatture fasulle a favore della società presente in Italia.




Reale frode carosello - mettiamo che la società italiana “A” che vende dei beni ad una società “B” inglese e che questa volta il prodotto faccia ritorno nel proprio paese. Logicamente l’iva dovrà essere imposta nel paese in cui il prodotto verrà consumato, giusto? Ecco, infatti la società B inglese, decide di non vedere in Inghilterra i beni comprati dalla società A, ma pensa “male e intenzionalmente” di venderli ad un’altra società “C” anch'essa italiana. Quindi in questo caso, come abbiamo già indicato l’iva dovrebbe essere pagata in Inghilterra, ma la società B visto che è fasulla, non si preoccuperà mai di pagare l’iva e questo consentirà all'ultima società “C” di ricevere un grande beneficio e un notevole accumulo di iva a credito. In questo caso per il Fisco è molto più complicato capire e scovare questi truffatori, perché oltre ad avare come complici delle società per la manipolazione di carte fiscali, hanno anche delle società filtro che puliscono, complicano e ingannano il sistema, facendo diventare le ricerche impossibili e molto difficoltose.


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).