domenica 22 febbraio 2015Ultimo Aggiornamento:

Bonus disoccupati Inps per donne senza lavoro

 |   | 
Finalmente una buona notizia anche per le donne senza lavoro, visto che sono stati offerti i nuovi bonus disoccupati Inps, anche alla sezione femminile. In questa guida spiegherò come ottenere i bonus disoccupati Inps per donne senza lavoro da più di 6 mesi.

Il contributo può essere richiesto a qualsiasi età e in qualsiasi città. L'importante e che sia stata indicata nella nuova legge dei fondi convenzionati. L'erogazione da parte dell’Inps di questi contributi, verrà offerta solamente alle donne che vivono in zone disagiate, facenti parte della: Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata, Emilia Romagna, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto, Abruzzo, Molise, Lazio, Liguria e Lombardia.

Oltre a questo il progetto dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale è quello di riabilitare le lavoratrici, cercando di reinserirle nel mondo del lavoro nel migliore dei modi. Ricordo che anche le donne stesse, potranno presentare la domanda per l’erogazione dei bonus a riguardo delle assunzioni e delle proroghe.


Come richiedere i bonus disoccupati Inps per donne senza lavoro sul sito Inps :


Prima di tutto bisogna registrarsi al sito Inps, accedere all'area contributi e consultare le ultime circolari emesse. Non appena saranno visibile le circolari con i moduli di richiesta, sarà possibile iniziare a spedire i documenti per la richiesta di erogazione del bonus. Per controllare collegatevi al sito Inps:


A mettere in evidenza il ritorno di questo bonus è stato Giuliano Poletti, il quale ha voluto dare nuove speranze alle donne italiane disoccupate, ma che ancora vogliono e hanno intenzione di mettersi in gioco per un lavoro futuro. Prima di poter essere accettato però, dovrà prendere piede l’iniziativa della Social Card + i moduli di richiesta, la quale offre ai disoccupati un credito da spendere mensilmente per pagare le proprie spese, bollette e acquisti. Per maggiori informazioni è possibile consultare il seguente link indicato:


Non appena la carta acquisti sarà messa in piena luce su tutto il territorio italiano e di conseguenza tutti i disoccupati che ne hanno fatto richiesta, riceveranno l’erogazione della somma promessa; potrà anche iniziare l'inserimento delle donne nel mondo del lavoro. Ricordo che l’assunzione di donne disoccupate, garantirà delle agevolazioni anche alle imprese che decidono di assumere questa tipologia di lavoratori.

Riduzione dei contributi pari al 50% per le aziende che assumono donne disoccupate:


Secondo gli ultimi decreti e soprattutto secondo la norma ministeriale emanata il 27 marzo 2008; posso farvi notare che tutte le ditte, imprese, aziende, uffici e fabbriche che assumono donne senza lavoro, che vivono i aree “disagiate” sfavorevoli, hanno diritto a richiedere una riduzione dei contributi da pagare pari al 50%! Logicamente questo bonus non è attivo per sempre, ma solo per un periodo massimo pari ad un anno per i contratti determinati e un anno e sette mesi per i contratti indeterminati.

Come pagare meno contributi e offrire lavoro ai disoccupati:


Per pagare meno contributi, bisognerà fare ciò che è appena stato indicato, oltre al fatto di: scegliere se assumere una donna con un contratto a tempo determinato o scegliere se assumere una donna con un contratto a tempo indeterminato. Infine ricordo anche che le agevolazioni fino a 18 mesi, saranno valide anche se poi si richiede il passaggio di contratto, trasformandolo da lavoro determinato a indeterminato.


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).