mercoledì 11 novembre 2015Ultimo Aggiornamento:

Domanda social card 2016 – membri e requisiti per i disoccupati

 |   | 
In molti adesso cercano di capire come fare domanda per la social card 2016; ma ciò che in molti non tengono i considerazione e che oltre ad essere disoccupati, bisogna possedere dei requisiti particolari ed essere almeno più membri in famiglia. Quindi come si fa domanda per la social card 2016 e chi può richiedere questa carta acquisti straordinaria? E soprattutto dove e quali comuni possono consegnarla?

Visto le continue confusioni della gente su questa social card per disoccupati; ho deciso di fare chiarezza, spiegando esattamente cosa permette di fare e chi può ottenerla. Prima di tutto ricordo che la seguente carta è già attiva da 2 anni in Italia, con l’unica pecca che non tutti possono richiederla. Questo perché negli anni scorsi non erano disponibili i fondi per avviare il progetto (principalmente nel sud Italia) e adesso invece non si può ancora richiedere, perché i documenti presentati sono ormai obsoleti (validi per la fase sperimentale) e non più adatti alle leggi attuali. 

Detto questo, ora posso iniziare a spiegarvi come funziona nel dettaglio la social card 2016 per i disoccupati, cosa offre, cosa permette di fare e quali requisiti richiedere per essere rilasciata ed attivata. Logicamente la seguente guida, può essere collegata al seguente articolo: “Download moduli social card” il quale spiega con chiarezza i moduli disponibili e soprattutto consente di scaricare tutti i documenti necessari, al fine di fare domanda per la carta acquisti straordinaria in modo semplice e veloce. 


Domanda social card 2016 per disoccupati, importo sussidio e comuni attivi


domanda-social-card-2016-membri-disoccupati-e-requisiti
La social card per disoccupati, offre a tutti i senza lavoro, un importo mensile che va da un minimo di 230 euro, fino ad un massimo di 400 euro; il tutto è suddivido e gestito in base al numero di componenti che completano il proprio gruppo famigliare e anche al reddito Isee. Al consumatore/cittadino, viene consegnata una semplice carta prepagata, appartenente al circuito Master-card (grazie a questa caratteristica è possibile prelevare denaro dagli ATM, dagli uffici postali ed eseguire anche pagamenti POS) al fine di pagare le proprie spese quotidiane; come ad esempio: le bollette della luce, acqua, gas e fare acquisti nei centri convenzionati ai disoccupati in possesso della carta prepagata.

La suddetta carta vi verrà consegnata (sempre se attiva e disponibile) dal vostro comune di residenza, poste italiane o Inps, mediante posta a domicilio e ricaricata ogni 2 mesi dall'Istituto di Previdenza Sociale. Le città attive per la richiesta e domanda, sono: Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Abruzzo e Molise, Campania e nelle città Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia e Verona. Nei quali bisogna sempre richiedere conferma per verificare l’effettiva disponibilità dei fondi.

Per quanto riguarda invece l’importo concesso suddiviso per membri, bisogna tenere in conto questi dati e requisiti: 

  • Sussidio per 1 anno – 231 euro per famiglie di due membri;
  • Sussidio per 1 anno – 281 euro per famiglie di tre membri;
  • Sussidio per 1 anno – 331 euro per famiglie di quattro membri;
  • Sussidio per 1 anno – 404 euro per famiglie con cinque o più membri in famiglia;


Oltre a questi requisiti indicati in relazione ai membri famigliari, bisogna considerare anche altri requisiti importanti, che sono:

  • La presenza di un minore (almeno 18 anni) in famiglia;
  • Essere cittadini italiani o appartenenti all'UE;
  • Essere extracomunitari, ma con un regolare permesso di soggiorno (validato CE);
  • Vivere nel Comune da quale viene effettuata la richiesta, da almeno 1 anno;
  • Presenza in famiglia di un membro disoccupato da almeno 36 mesi;
  • Avere 1 o più membri in famiglia con un lavoro dipendente, con un reddito che non supera i 4.000 euro (da calcolare nei 6 mesi prima dell’invio della domanda alla social card);
  • Per i possessori di un immobile, il valore “IMU” non dev'essere maggiore di 30mila euro;
  • Avere un reddito Isee non maggiore di 3.000 euro (calcola il tuo Isee);
  • Avere un patrimonio mobiliare Isee non superiore a 8.000 euro;
  • Non ricevere pensioni previdenziali, assistenza o più di 600 euro al mese per indennità;
  • Non essere in possesso di una macchina, immatricolata nell'ultimo anno, prima della richiesta;
  • Non avere un auto che supera i 1300cc immatricolata negli ultimi 3 anni;
  • Non avere una moto maggiore di 250cc immatricolata anch'essa negli ultimi 3 anni.

Inoltre ricordo a tutti i disoccupati, che per poter entrare in possesso della social card è obbligatorio accedere ad un programma di lavoro. Esso consiste in una riqualificazione del mondo del lavoro, in modo da permettere a tutti i disoccupati di trovare una nuova occupazione o carriera lavorativa. Il tutto verrà eseguito, mediante incontri, rapporti e servizi sociali presso i centri dell’impiego presenti in Italia.


Domanda social card 2016: quanto bisogna attendere?


Come ho già indicato, fare domanda per la social card, non è difficile, basta essere in possesso delle seguenti caratteristiche e fare richiesta. L’unica cosa che frena i cittadini è l’impossibilità di ottenere risposte e chiarimenti; in quanto tutt'ora non si capisce quando verrà attivata questa carta acquisti. Secondo quanto indicato dal Governo, manca davvero pochissimo per l’attivazione in tutta Italia e proprio per questo motivo a breve i comuni stessi, poste italiane e Inps, provvederanno ad avvisare i consumatori e disoccupati italiani. Dal seguente post: “documenti necessari per la social card” è possibile capire quali documenti servono per completare la richiesta alla domanda ed essere accettati per avere la nuova carta acquisti straordinaria.


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione ... ma non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta sulla voce: "Inviami notifiche" prima di pubblicare il tuo commento, così verrai avvertito via e-mail di nuovi commenti al post (utile per interagire con altri utenti della rete).